Ministero della Salute pronto per la riapertura del Paese

Ministero della Salute pronto per la riapertura del Paese

Un vice ministro della sanità pubblica ha affermato che la Thailandia è completamente preparata per la riapertura del paese il 1° novembre, con fiducia che le misure di controllo della malattia implementate manterranno la situazione sotto controllo in caso di un nuovo focolaio.

Il viceministro della sanità pubblica Satit Pitutacha ha affermato che la Thailandia è pronta sotto ogni aspetto per la sua riapertura ai visitatori internazionali il 1° novembre, affermando che le misure messe in atto conterranno efficacemente la trasmissione in caso di nuovi focolai.

Satit ha affermato che il Ministero della sanità pubblica sta tenendo incontri giornalieri con le agenzie correlate sulle misure di screening per gli arrivi internazionali, nonché risposte rapide ai nuovi casi in ciascuna provincia.

Ha affermato che il protocollo di controllo della malattia per i nuovi casi si concentrerà sull’identificazione di nuovi casi, sulla quarantena e sul trattamento.

I turisti internazionali che arrivano in Thailandia, il cui visto consente fino a 1 anno di soggiorno, sono tenuti ad acquistare pacchetti assicurativi idonei per garantire fondi sufficienti per i loro trattamenti COVID-19 in Thailandia. Ha affermato che questo requisito, così come la cooperazione da tutte le parti, contribuirà a garantire una riapertura sicura del paese.

Satit ha affermato di aver personalmente trovato sufficienti le attuali misure per prevenire le trasmissioni di COVID-19 nei viaggi aerei, con solo pochi casi segnalati.

Ha affermato che le autorità possono rispondere rapidamente ai casi riscontrati tra i viaggiatori aerei, che sono più facili da contenere rispetto alle trasmissioni locali.

Il viceministro si aspetta che il numero di arrivi internazionali nella fase iniziale non sia elevato, ma l’apertura invierebbe un segnale positivo per progressivi miglioramenti.

Translate »